Gli Unni

    Would you like to know what’s going on in the Tournament 2017 Finals?
    Keep yourself updated by reading "The Corner"!

    • Conoscere gli Unni!

      Un enorme esercito di nomadi senza paura sta per invadere il mondo di Travian. Ogni giorno i nostri esploratori scoprono sempre più informazioni su di loro.

      La notizia che hanno portato oggi è:

      Un Unno è niente senza il suo fedele cavallo da guerra, quindi trattalo bene!










      Lasciateci i vostri commenti qui
      Hai una domanda? Puoi trovare una risposta nelle TRAVIAN ANSWERS
      I moderatori sono volontari e non sono quindi disponibili 24 ore al giorno.
    • L'Unno più famoso fu Attila.

      Attila fu re degli Unni a partire dal 443. Per la sua ferocia fu detto "flagellum dei". Durante il suo regno Attila sottomise molte popolazioni germaniche e riuscì a costituire una potenza militare tale da imporre tributi agli imperi d'oriente e d'occidente.

      Ovunque portasse il suo esercito, le conseguenze erano devastanti: Attila faceva massacrare ostaggi e prigionieri; anche durante le ritirate veniva perpetrata ogni tipo di tortura o violenza: le leggende che ne seguivano non facevano che accrescere la popolarità e l'ego di Attila.

      I metodi erano selvaggi e brutali, il terrore veniva portato ovunque, e le città rase al suolo. La sua fama di crudeltà era così grande che bastava pronunciare il nome di Attila per terrorizzare le popolazioni delle città verso cui si dirigeva con le sue truppe, sopprimendo qualsiasi loro resistenza e inducendole ad aprirgli le porte senza colpo ferire.

      Nel 452 d.C. quel che restava dell'impero romano, diviso tra Impero Romano d'Occidente e Impero Romano d'Oriente, viveva gli ultimi anni della sua millenaria esistenza.

      La minaccia di un’invasione si fece concreta quando il popolo degli Unni, sotto la guida del feroce Attila, piombò in Italia, distruggendo senza pietà alcune città, come Aquileia, che venne rasa al suolo e la sua popolazione sterminata integralmente.

      A Roma la notizia giunse come un fulmine suscitando costernazione: la via per la città era praticamente libera, e l’esercito romano non era in grado di opporre resistenza a quello barbaro.

      Fu così che si scelse di inviare un’ambasciata incontro al re unno, e l’incontro tra i messaggeri romani e la corte di Attila avvenne in un paesino sul Po, Roncoferraro.

      Cosa sia successo realmente in quell’incontro non si è mai saputo, ma Roma non venne attaccata.

      Attila ritornò quindi in patria, carico di gloria e soprattutto di bottino.
      Qui si dedicò al trionfo, imbandendo, per giorni e giorni, colossali tavolate per festeggiare i suoi trionfi. E fu durante uno di questi banchetti che il re, esagerando oltre misura con il mangiare, ebbe un colpo apoplettico e morì improvvisamente.

      Anche in questo caso dobbiamo avvalerci della parola di Prisco, lo storico latino, perché le versioni sulla morte del grande re sono diverse.

      Secondo alcuni il re venne ucciso dalla sua ultima moglie, per motivi non chiari, ma la versione di Prisco, contemporaneo di Attila è la più accreditata.

      Lo storico Giordane parla del funerale di Attila :«Il suo corpo fu posto in una tenda di seta in mezzo a una pianura, esposto all’adorazione generale. I migliori cavalieri fra tutti gli Unni cavalcavano attorno alla tenda in cerchio, come nei giochi dell’arena. Nel luogo in cui era stato portato, così recitava le sue gesta il lamento funebre :”Questo è il signore degli Unni, il re Attila, figlio di Mundzuk, signore delle più audaci tribù, unico sovrano di Sciti e Germani. Nessun uomo ha fatto quanto lui. Egli ha conquistato città e terrorizzato i Romani d’Oriente e Occidente. Solo per le loro suppliche riceveva un tributo annuale e si asteneva dai saccheggi. E tanto l’ha favorito la sorte che, dopo tutte queste gesta, egli non è morto per mano dei suoi nemici o tradito dagli amici, ma in seno ad un popolo in pace, felice, lieto e senza dolore” (Storia dei Goti, 257-260)».


      Attila venne sepolto insieme alle armi strappate ai nemici e a buona parte delle ricchezze saccheggiate. L’inumazione avvenne di notte ed in una località nascosta. Inoltre, affinché nessun uomo potesse sapere dove fosse stato sepolto Attila, colui che si era occupato di tale incombenza venne immediatamente messo a morte.Con la dipartita del re unno i suoi figli non seppero decidere chi dovesse essere la nuova guida, perdendo la tribù unna la sua unità. Ben presto i diversi popoli vinti da Attila si ribellarono, acquistando nuovamente la libertà. Le numerose tribù germaniche si riappropriarono dei territori perduti. Vi è un paese in Europa che ha derivato il suo nome dagli Unni, cioè l’Ungheria. In questa nazione, ancora oggi, Attila è considerato un personaggio straordinario e il suo nome, insieme a quello della sua ultima moglie Ildico, è ampiamente diffuso.
      Hai una domanda? Puoi trovare una risposta nelle TRAVIAN ANSWERS
      I moderatori sono volontari e non sono quindi disponibili 24 ore al giorno.
    • Il migliore amico degli Unni è il loro cavallo. Quindi non sorprende che la scuderia degli Unni ospiti uno dei destrieri più forti e poderosi in Travian. Guardate le immagini di seguito per saperne di più su di loro!







      Hai una domanda? Puoi trovare una risposta nelle TRAVIAN ANSWERS
      I moderatori sono volontari e non sono quindi disponibili 24 ore al giorno.
    • Gli Unni sono una popolazione nomade e qui in Travian, abbiamo provveduto a considerato questa predisposizione migratoria: ci sarà un edificio speciale disponibile solo per gli Unni che funge da Centro di Comando (nome non ancora definitivo). E' un molto più costoso della Reggia ma in cambio offre tre spazi di espansione anzichè due.

      Hai una domanda? Puoi trovare una risposta nelle TRAVIAN ANSWERS
      I moderatori sono volontari e non sono quindi disponibili 24 ore al giorno.


    • Gli Unni possono costruire la Dimora Reale. Potete paragonarla ad una reggia in tutto e per tutto ma al posto di due slot di espansione questo edificio ha la caratteristica di averne tre. È possibile costruire la Reggia Reale solo nei villaggi senza Castello e Reggia e naturalmente non è possibile costruirli una volta che c'è la Dimora Reale.
      La Dimora Reale costa 1.600 Legno, 1.250 Argilla, 1.050 Ferro e 200 Grano al livello 1. Costruendola fino al livelo 20 sarà meno costosa del Castello ma più costosa della Reggia.

      LivelloLegnoArgillaFerroGrano
      11.6001.2501.050200
      21.9501.5251.280245
      32.3801.8601.565300
      42.9052.2701.905365
      53.5452.7702.325445
      64.3253.3802.840540
      75.2754.1203.460660
      86.4355.0304.225805
      97.8506.1355.155980
      109.5807.4856.2851.195
      1111.6859.1307.6701.460
      1214.26011.1409.3551.780
      1317.39513.59011.4152.175
      1421.22516.58013.9252.655
      1525.89020.23016.9903.235
      1631.59024.68020.7303.950
      1738.53530.10525.2904.815
      1847.01536.73030.8555.875
      1957.36044.81037.6407.170
      2069.97554.67045.9258.745
      Hai una domanda? Puoi trovare una risposta nelle TRAVIAN ANSWERS
      I moderatori sono volontari e non sono quindi disponibili 24 ore al giorno.


    • La Barricata degli Unni ha la capacità di difesa più debole - da un bonus pari alle Fortificazioni Teutoni e la robustezza molto simile alle Mura Cittadine Romane.

      Altre caratteristiche principali
      • Tanta cavalleria, veloce e forte
      • Difesa debole per la Barricata
      • Carente di qualsiasi buona truppa da difesa
      • I mercanti possono trasportare 500 risorse (velocità: 20 caselle/ora)
      • L'esercito a cavallo con l'eroe è ancora più veloce
      • Edificio aggiunto: la Dimora Reale, migliora la possibilità di espansione
      • I Logades abbassano la lealtà dei villaggi nemici del by 15-30 %
      Hai una domanda? Puoi trovare una risposta nelle TRAVIAN ANSWERS
      I moderatori sono volontari e non sono quindi disponibili 24 ore al giorno.